mario dentone
condividi questa pagina su Facebookinvia questa pagina per emailstampa questa pagina
benvenuto ! l´artista
» profilo biobibliografico dell'artista le opere
» la produzione narrativa, teatrale, saggistica, … i ricordi
» siamo plasmati con i nostri ricordi l´agenda
» i prossimi incontri a calendario gli amici
» i link dei siti amici scrivimi
» suggerimenti, commenti, idee, un saluto, …

 

La Capitana
La Capitana
1. L’Ammutinamento
[2016]
Il signore delle burrasche
Il signore delle burrasche
[2014]
Il cacciatore di orizzonti
Il cacciatore di orizzonti
[2012]
Gli occhi (di Santa Sabina)
Gli occhi (di Santa Sabina)
[2012]
Il padrone delle onde
Il padrone delle onde
[2010]
La porta aperta
La porta aperta
[2010]
Luigi Tenco
Luigi Tenco
Per la testa grandi idee
[2008]
La Badessa di Chiavari
La Badessa di Chiavari
[2007]
La prima spiaggia
La prima spiaggia
[2007]
Anche il cielo è caduto
Anche il cielo è caduto
[2007]
Chi ha vissuto la mia vita?
Chi ha vissuto la mia vita?
(Luigi Pirandello, un autore in cerca di… personaggi)
[2005]
Una notte da papa
Una notte da papa
[2001]
Un grido taciuto
Un grido taciuto
(L’ultimo falò di Cesare Pavese)
[1999]
Il gabbiano
Il gabbiano
[1995]
Una prigione di vetro
Una prigione di vetro
[1994]
Ho sentito cantare un angelo
Ho sentito cantare un angelo
[1990]
Donna di carta velina
Donna di carta velina
[1988]
Monsieur Proust
Monsieur Proust
(Un suicidio perfetto)
[1988]
Al Mattino Era notte
Al Mattino Era notte
[1983]
Equilibrio
Equilibrio
[1981]

 

— § —

In ordine cronologico inverso…

La Capitana

Il signore delle burrasche

Il cacciatore di orizzonti

Gli occhi (di Santa Sabina)

Il padrone delle onde

La porta aperta

Luigi Tenco

La Badessa di Chiavari

La prima spiaggia

Anche il cielo è caduto

Chi ha vissuto la mia vita?

Una notte da papa

Un grido taciuto

Il gabbiano

Una prigione di vetro

Ho sentito cantare un angelo

Donna di carta velina

Monsieur Proust

Al Mattino Era notte

Equilibrio

— § —

Che pena la vita di colui che crede di giungere là dove comunque è impossibile giungere, dove può soltanto tendere di giungere, con la fede, con la giusta condotta di uomo, nella fiducia del suo unico Giudice… Perché è la presunzione di assoluto, di onnipotenza, che porta l’uomo all’illusione di felicità, che però resta soltanto illusione, e quindi ancor più cocente rende poi la sua caduta nella misera verità terrena.

 

 


Indirizzo email protetto dal bots spam. Devi abilitare Javascript per vederlo.

disclaimer privacy warning credits favorites